Comune di Prignano Cilento

Invitiamo gli utenti che hanno disabilità visiva a leggere la sezione informativa sull'accessibilità del presente sito per usufruire al meglio dei servizi messi a disposizione dal Comune - 
generic image
sabato 20 gennaio 2018 - ore 13.17
Ti trovi qui: home

Le Fico Mmonnate   freccia

Le Fico Mmonnate

N'epoca a dì poco risastrosa, è stata chera re conchie le fico;

a la matina riuno e sciorduluto e ncuollo na cammisa arrepezzata.Ntiempi arreto iettare na cammisa era peccato, s'arrepezzava e , spisso cco' panno re ato colore,tanto c'à la fina paria la divisa r'Arlecchino!

Turnanno  a le fico mmonnate, a la matina priesto t'abbiavi armato r'ancino e de panaro, spisso avivar'aspettà mpieri lu pere pecchè era scuro e nun se nge viria.

Sapivi ca era ndresso tuovo e primo veniano accerate.

Ppè Conchie le fico nge vulia lu sole allora se sfrutava fino c'assìa.

Ncoppa li sarcini ca chiuriano la chiazza mittìano le primo rati e ghiera chesto lu fatto r'essere  accerate.

Erano iurnate scomunecate, sempe re corsa, custione re vita o re morte pecchè si la pigliavi tirriannop, finivi  poi a la sera ccò la lanterna......Int'à lu iuorno ccò lu sole cocente l'avivar'à vutà pecchè na facci s'era assucata, e, vutannola, s'assucava pure cher'ata.

Era nu mumento angusciante pure pecchè tinivi nienti indo la panza....ccò nu calore vca te ria ncapo certi mumenti te mancava lu fiato.

Na nuvola re vespe e de vespuni ca se zucavano lu zuccaro re le fico, s'aiziavano ra le grati e giravano ppè l'aria come li rannati faciano capisce ca l'avivi risturbati e ca erano pronti a darte muzzecate e tu sapivi poi a cher'ata mmiezzo a chere vespe e vespuni ndiavulati,passavano nu cintimitro ra la facci e tu aviva r'à stà fermo pecchè si te muvivi era peggio!Mentre tu vutavi, la femmena currià ncasa a preparare na nzalata re prummarole ccò cetrulo opure re fasuli e puparuoli e quanno pane e fico addirittura.

Appena finito re mangià, subbito re corsa a mmonnà, armati re curtielli e ghieretala s'accummenzava subbito a mmonnare. A sera poi l'aviva trase si no li fico pigliavano l'acquata e sicome senza scorsa , erano relicate,(quasi come nà persona scazzara) e aviva fare tutte le sere la fatiata.

A la matina l'avivar'à caccià fore pecchè tiniano besuogno re lu sole, chesto tutti li iuorni aviva fare fino a quanno nunn'erano bone pp'aizare.Tutto chesto cco' lu tiempo buono, nun ve rico poi quanno chiuvia!

Na vita re mbierno arreventava te vinia voglia re scappare.Come virivi ca  s'annuvulava cchiù paci ncupll'à ttì nun ne tinivi cco' l'uocchi tuorno tuorno a viggilare pecchè lu chiovr nun te le mbunnìa; come virivi la prima stizza r'acqua aviva fà na corsa a mozzafiato a 3 a 4  afferravi le grati e le nfilavi info le mbertecate.Quanno la iurnata  nuvolosa era cchiù d'una allora accummenzava la paura pecchè la fatia tòa ìa nfumo, le fico senza sole bastava poco tiempo e nguaglinia.

Tutta la fatia re iurnate mangianno pane e prummarole stanno tiso ca pigliavi le grati e ghiettavi le fico nquagliatr.

Le fico arreventavano barbute e puzzzavano a la Umberto Eco accussì na barba neora cacciavano e puzzavano r'acizzo , mbracetate.Erano mumenti sconzulati , ncore tuovo nu sgumento atroce, nu senso re vuoto , re resprazione ma l'ebboca era chera, li fecaiuoli erano cundannati senza avè cummesso peccati  o li riati!!!

Ng'erano quatto neozianti a lu paese:Amircaro, Saverio Renzi , Cola Voso e cantalupo.

Le fico se portavano a "la voce", ciuè senza cundiziouni e sulo attuorno a natale se canuscia lu valore allora se tirava nu suspiro re sullievo pecchè finarmente se viria la faccia re "Vittorio Emanuele...."ciuè li sorsi.

Vita ra cani se ricia, ccò la rifferenza ca lu cane se curcava nderra e s'addurmia mentre nui aviam'a tribulare.......


MediagalleryMediagallery

CSS Valido!